L'occhio - studio-medico-oculistico-Roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'occhio

L'occhio

L'occhio,riceve informazioni sull'ambiente circostante attraverso la luce. L'occhio umano raccoglie la luce dalle immagini e la trasforma in una serie di segnali elettrici che attraverso il nervo ottico vengono inviati al cervello per l'elaborazione e l'interpretazione.

La superficie esterna di ciascun occhio è una sfera incompleta e opaca costituita  dalla sclera, che anteriormente si interrompe dando origine a una seconda porzione sferica trasparente , la cornea. Internamente alla sclera è presente uno strato pigmentato e vascolarizzato, la coroide, che si continua anteriormente dando origine al corpo ciliare e all'iride, un disco membranoso con un foro centrale, la pupilla, il cui diametro è regolato dalla muscolatura dell'iride. Le tre porzioni pigmentate formanol'uvea. Profondamente alla coroide troviamo, la retina, che termina anteriormente a livello ora serrata. Essa contiene i fotorecettori dell'occhio che traducono la luce in potenziali elettrici inviati attraverso il nervo ottico al cervello. Dal corpo ciliare si dipartono le fibre zonulari che si attaccano al cristallino, la lente dell'occhio, collocata posteriormente all'iride e a livello del corpo ciliare. All'interno dell'occhio si distinguiamo tre camere. La camera anteriore è lo spazio compreso tra la cornea e l'iride, la camera posteriore tra l'iride e il cristallino, e infine l'ampia camera vitrea, dietro il cristallino. Le prime due sono riempite dall'umore acqueo, prodotto dal corpo ciliare che defluisce attraverso il canale di Schlemm nelle vene sclerali, mentre la camera vitrea è occupata dal corpo vitreo, una massa gelatinosa che contribuisce a determinare la forma del bulbo oculare.





Torna ai contenuti | Torna al menu