Laser rotture retiniche ARGON LASER - studio-medico-oculistico-Roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Laser rotture retiniche ARGON LASER

Chirurgia > Chirurgia Laser

Il laser ad argon


Strumento con gas di argon che emette luce laser, impiegato per ottenere piccole bruciature che distruggono selettive parti di iride, retina, vasi anomali (neovascolarizzazione), tumori, ecc.

Trattamenti laser periferici


La retina periferica, soprattutto nei pazienti miopi, può andare incontro a fenomeni degenerativi che provocano assottigliamenti o fori. In molti casi queste lesioni non provocano alcun disturbo visivo, talvolta invece si manifestano con vista di corpi mobili o lampi luminosi. In entrambi i casi queste alterazioni della retina periferica predispongono allo sviluppo di una patologia ben più grave quale il distacco di retina. La prevenzione di questa consiste in uno sbarramento laser intorno alle zone interessate (fotocoagulazione). Questa può avvenire con differenti tipologie di laser: ad Argon, a diodi, ad infrarossi. Il trattamento viene effettuato ambulatoriamente con anestesia di superficie



Trattamento laser delle patologie vascolari retiniche

Numerose sono le patologie vascolari che interessano la retina; tra le più comuni e gravi sono da segnalare la retinopatia diabetica e le occlusioni venose e/o arteriose. Queste patologie possono interrompere o rallentare il flusso di sostanze nutritizie e di ossigeno al tessuto retinico con formazione di aree ischemiche. Le aree sane adiacenti cercano di compensare questa ischemia producendo nuovi capillari; il fenomeno viene chiamato neovascolarizzazione. Queste costituiscono un pericolo in quanto il loro sviluppo veloce e disordinato predispone alla rottura, al sanguinamento e al glaucoma. L’unico mezzo per prevenire lo sviluppo delle neovascolarizzazioni è la fotocoagulazione preventiva delle aree ischemiche. Il trattamento viene effettuato ambulatoriamente con anestesia di superficie.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu